Trasferimento con procedura di mobilità interna :: Diritto & Consulenza

Trasferimento con procedura di mobilità interna

Pubblicato il 13 gennaio 2010

La scelta di un idoneo, per la copertura di posti vacanti, mediante scorrimento in graduatoria, o alternativamente per ricorso alla procedura di mobilità interna volontaria, è ascrivibile all’alveo del potere discrezionale dell’amministrazione (fatte salve le specifiche e diverse disposizioni normative), che pertanto ha l’obbligo di motivare congruamente le regioni che la determinano.

Sotto il profilo della giurisdizione, la scelta della procedura di mobilità equivale a quella di indire nuovo concorso: ciò in virtù delle situazione soggettive di interesse legittimo che si generano in capo al soggetto ritenuto idoneo, e che pertanto investono le funzioni del giudice amministrativo.

Cons. St., V, 15 ottobre 2009, n. 6332

Clicca qui per consultare la sentenza completa.

Altri Articoli che Potrebbero Interessarti:
Articolo archiviato in: Rapporti di lavoro - |

Hai bisogno di una consulenza legale?

  1. (obbligatorio)
  2. (obbligatorio)
  3. (è richiesta una e-mail valida)
  4. (obbligatorio)