Marchio Debole e Marchio Forte: le Differenze :: Diritto & Consulenza

Marchio Debole e Marchio Forte: le Differenze

Pubblicato il 16 gennaio 2012

Sono marchi forti oltre ai nomi di fantasia, anche quelli costituiti da nomi comuni, che non abbiano alcun nesso concettuale con i prodotti che contraddistinguono.

E’ l’originalità dell’accostamento che contribuisce a dare forza al marchio.

Per contro i marchi deboli non sono solo quelli  vicini alla descrizione dei prodotti ma quelli che abbiano assunto nel tempo un significato designativo comune tale che richiami alla mente dei più, prodotti di una certa specie.

La differente qualificazione del marchio come forte o debole incide sulla differente intensità di tutela.

In relazione al marchio forte sono considerate illegittime tutte le modifiche, pur rilevanti ed originali, che ne lascino comunque sussistere l’identità sostanziale.

Per il marchio debole, invece, sono sufficienti ad escluderne la confondibilità anche lievi modificazioni od aggiunte.

Trib. Bologna 12 dicembre 2011, n. 3456

Clicca qui per consultare il testo integrale della sentenza.

Altri Articoli che Potrebbero Interessarti:
Articolo archiviato in: Marchi e Brevetti - |

Hai bisogno di una consulenza legale?

  1. (obbligatorio)
  2. (obbligatorio)
  3. (è richiesta una e-mail valida)
  4. (obbligatorio)