Ingiunzioni di Pagamento: Domande Frequenti :: Diritto & Consulenza

Ingiunzioni di Pagamento: Domande Frequenti

Cos’è l’ingiunzione di pagamento?

L’ingiunzione di pagamento è l’ordine che il giudice (con decreto) rivolge al debitore di pagare, entro un termine stabilito, una determinata somma di denaro oggetto del credito.

L’ingiunzione di pagamento infatti può essere richiesta da chi è titolare di un credito in denaro che sia liquido ed esigibile (non sottoposto a condizione o termine) ma anche da chi è creditore di una determinata quantità di cose fungibili o da chi ha diritto alla consegna di una cosa mobile determinata.

Il procedimento si attiva con ricorso presentato dal creditore.

Come si prova il credito ai fini dell’ingiunzione?

Il creditore deve fornire una prova scritta dell’esistenza del suo credito.

La giurisprudenza è concorde nel ritenere che costituisce prova scritta idonea qualunque documento che sia meritevole di fede quanto ad autenticità anche se proveniente da un terzo (e non dal debitore).

Secondo la legge sono prove scritte idonee le fatture commerciali, gli estratti autentici delle scritture contabili tenute nelle forme di legge, le polizze e le promesse unilaterali per scrittura privata, i telegrammi (anche se mancanti dei requisiti prescritti dal codice civile), i libri o registri della pubblica amministrazione (quando un pubblico funzionario ne attesti la regolare tenuta a norma di legge).

Pagina 1 Pagina 2


Hai bisogno di una consulenza legale?

  1. (obbligatorio)
  2. (obbligatorio)
  3. (è richiesta una e-mail valida)
  4. (obbligatorio)