Risarcimento Danni a Parenti Conviventi :: Diritto & Consulenza

Risarcimento Danni a Parenti Conviventi

Pubblicato il 18 marzo 2012

Il risarcimento dei danni non patrimoniali causati dalla morte di un congiunto, può essere riconosciuto a nonni, nipoti, genero e nuora, purché tra il de cuius e il parente vi sia stata convivenza.

Ai fini del risarcimento del danno morale, infatti, oltre al vincolo affettivo, è necessaria la quotidianeità della vita.

In particolare la Corte di Cassazione sottolinea come “il fatto illecito, costituito dall’uccisione del congiunto, dà luogo a danno non patrimoniale, consistente nella perdita del rapporto parentale, quando colpisce soggetti legati da un vincolo parentale stretto, la cui estinzione lede il diritto dell’intangibilità della sfera degli affetti reciproci e delle scambievole solidarietà che connota la vita familiare nucleare.

Corte di Cassazione – 16 marzo 2012 n. 4253

Altri Articoli che Potrebbero Interessarti:
Articolo archiviato in: Famiglia - |

Hai bisogno di una consulenza legale?

  1. (obbligatorio)
  2. (obbligatorio)
  3. (è richiesta una e-mail valida)
  4. (obbligatorio)