Brevetti: Domande Frequenti :: Diritto & Consulenza

Brevetti: Domande Frequenti

Cos’è il brevetto europeo?
Il brevetto europeo è un sistema che consente di richiedere, attraverso un’unica domanda, la tutela brevettale in diversi stati dell’Europa, ottenendo un titolo che attribuisce nel territorio degli Stati designati i medesimi diritti dei rispettivi brevetti nazionali.

Il brevetto europeo, quindi, consta di un fascio di diritti. Infatti una volta ottenuto esso, per avere efficacia negli stati prescelti, deve essere convalidato in ciascuno Stato.

Qual è la procedura per ottenere un brevetto europeo?
La domanda può essere presentata immediatamente o entro un anno dal deposito in Italia di un brevetto nazionale e consente di poter ottenere un brevetto valido non solo in tutti gli Stati dell’Unione Europea, ma anche in altri paesi limitrofi che hanno aderito all’accordo.

La procedura prevede un prima fase che comprende: Il deposito della domanda, l’esame delle condizioni formali, la ricerca di novità, la pubblicazione, dopo 18 mesi dal deposito o dalla data di priorità, della domanda e del rapporto di ricerca. Ad essa fa seguito la fase di esame vera e propria.

Se il brevetto viene concesso, il richiedente può iniziare la procedura di convalida in tutti gli stati da lui designati o solo in alcuni di essi. Infatti, non avendo il brevetto europeo un carattere unitario, una volta concesso, è necessaria una procedura di convalida in tutti gli stati designati o in alcuni di essi; è quindi necessario depositare la traduzione del testo del brevetto concesso nella lingua ufficiale di ciascuno stato designato e pagare le tasse di concessione che ciascuno Stato prevede.

Pagina 1 Pagina 2 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 6


Hai bisogno di una consulenza legale?

  1. (obbligatorio)
  2. (obbligatorio)
  3. (è richiesta una e-mail valida)
  4. (obbligatorio)